Sangue cattivo

La leggenda narra che polpymamma non venga mai punta dalle zanzare grazie al suo cattivissimo sangue, naturale conseguenza del suo essere cattiva e cinica.

Ma sta sera una zanzara mi ha morso e mentre accadeva il prodigio polpy papà estasiato “si vede che stai diventando più buona!”

“MAI!! Non diciamo scemenze e’ impossibile che io diventi buona!”

……

Annunci

Alla lavagna

Polpymamma alla lavagna che ti interrogo!

Subito signora maestra!!

M : Allora partiamo dalla grammatica…dimmi una frase e fai l’analisi grammaticale

P: ok….Ieri ( avverbio di tempo) io (soggetto di un’idiozia senza confini e senza pari) ho rigato ( voce del verbo rigare prima persona singolare tempo participio presente) la macchina ( complemento oggetto anzi povero disgraziato complemento oggetto sfigato) mentre (avverbio di tempo) uscivo (voce del verbo se me ne stavo a casa era meglio per tutti) dal ( preposizione) garage ( complemento oggetto dotato di porta troppo stretta e costruita senza senso).

M: bene molto bene…ora prova invece a fare un’analisi del testo.

P: ehm… Allora il testo credo possa esprime l’enormità della disperazione in seguito all’improvviso restringimento della porta di accesso al box auto della tapini sisma sottoscritta.
Nessun’altra spiegazione si può dare ad un fatto così tragico e sconvolgente al punto da indurre una profonda crisi esistenziale.
Il soggetto del racconto non riesce a capacitarsi di come sia potuto accadere un tale e disastroso evento in seguito a manovra che di norma si esegue almeno 2 volte al giorno da diversi anni sempre con incredibile perizia.

M: ok polpymamma ora vai tranquilla a casa e rifletti su quello che hai imparato oggi!

P: si sto riflettendo…rifletto da ieri mattina, rifletto e mi insulto, mi insulto e rifletto…

Mi sento una cretina patentata..mi sento…