Cattiveria

Ieri sera siamo usciti a cena con un amico di polpy papà anche lui in. Vacanza da queste parti.

Nel parcheggio del ristorante qualcuno ci ha sfondato un finestrino per rubare in macchina.
Non c’era nulla da rubare , solo il danno…

Annunci

Buon week end

Sta notte ho patito le pene dell’inferno, la pancia mi faceva malissimo, la polpetta mi si era incollata a cozza e non mi potevo muovere.
Ho pensato ecco che arrivano, in ritardo ma con gli interessi.

Alle 7 Mi alzo e vado in bagno dopo 45 minuti di dialogo con il water decreto che non mi sono venute, forse forse mi sono presa l’influenza intestinale.

La diagnosi e’ poi stata confermata dal protrarsi dei sintomi tra cui nausea, brividi di freddo e compagnia bella.

A parte una velocissima aspirata ai pavimenti e 4 lavatrici non ho fatto nulla.

Ho giocato, fatto braccialetto di perline con la polpetta.

E tenuta compagnia alla cucciola mentre faceva la nanna nel lettone che il suo lettino e’ senza lenzuola.

E sono riuscita fare un bel giro tra blog come piace a me, parto da uno che conosco, ne guardo uno sui link e vado avanti così scoprendo nuovi interessanti blog da leggere, adoro farlo e perderci ore!

Ora devo riuscire a trovare un modo per non fare annoiare la polpy fino a sta sera.

Uh cavolo ma e’ sabato, mica volevo uscire no?
Meno male che la piscina era già esclusa per motivi di budget se no mi incazzavo!

Volevo ma anche no..

Ieri sera volevo scrivere il post sul trigo, fare la ceretta e rilassarmi davanti alla tv…
.
Mi sono addormentata nel letto della polpy ancora vestita e truccata, a nulla sono valsi gli sforzi di polpy papà per portarmi nel mio letto.

Mi sono svegliata alle 2.30 infreddolita e scomoda ( jeans e maglietta con le paiette non sono un pigiama come si deve) e trasferita nel letto e dormito malissimo fino alle 7.

Oggi volevo spalmarmi sul divano mentre si scaldava la cera e appisolarmi, poi finire le gambe e andare a fare compere con la polpy un’amica e le figlie.

Devo essere tra un’ora al bar ad una riunione per la festa di fine anno all’asilo…

Faro’ tutto di corsa come al solito e che palle!!!

Alla lavagna

Polpymamma alla lavagna che ti interrogo!

Subito signora maestra!!

M : Allora partiamo dalla grammatica…dimmi una frase e fai l’analisi grammaticale

P: ok….Ieri ( avverbio di tempo) io (soggetto di un’idiozia senza confini e senza pari) ho rigato ( voce del verbo rigare prima persona singolare tempo participio presente) la macchina ( complemento oggetto anzi povero disgraziato complemento oggetto sfigato) mentre (avverbio di tempo) uscivo (voce del verbo se me ne stavo a casa era meglio per tutti) dal ( preposizione) garage ( complemento oggetto dotato di porta troppo stretta e costruita senza senso).

M: bene molto bene…ora prova invece a fare un’analisi del testo.

P: ehm… Allora il testo credo possa esprime l’enormità della disperazione in seguito all’improvviso restringimento della porta di accesso al box auto della tapini sisma sottoscritta.
Nessun’altra spiegazione si può dare ad un fatto così tragico e sconvolgente al punto da indurre una profonda crisi esistenziale.
Il soggetto del racconto non riesce a capacitarsi di come sia potuto accadere un tale e disastroso evento in seguito a manovra che di norma si esegue almeno 2 volte al giorno da diversi anni sempre con incredibile perizia.

M: ok polpymamma ora vai tranquilla a casa e rifletti su quello che hai imparato oggi!

P: si sto riflettendo…rifletto da ieri mattina, rifletto e mi insulto, mi insulto e rifletto…

Mi sento una cretina patentata..mi sento…

Sfiga

Ieri alle 6 dopo una lunghissima giornata di duro lavoro esco e
Susta dall’ufficio e quando ormai mancano poche centimetri alla libertà sento un rumore da brivido.

Non capisco mi guardo attonita intorno senza capire poi vedo al rallenty una signora che lavora li e che era già fuori dal cancello che mi viene incontro.

Il cazzo di maledetto cancello dell’azienda si e’ azionato per chiudersi mentre passavo ed ha scavato il passa ruota dietro della mia adorata macchina , fino al ferro, male come se lo avessero fatto a me…

Sono ancora senza parole, incazzata nera e spero davvero che siano assicurati perché ci sono 350 euri di danno da mettere assolutamente a posto se no alla prima pioggia fa la ruggine..

La mia solita sfiga, la mia solita sfiga …ecco, uffi…

In ogni caso colazione per tutti !!

Sequestrata

Il programma era uscita al volo dalla cella frigo… ehm ufficio alle sei spaccate, che già di per se e’ un miracolo, corsa al centro commerciale del paesone vicino rientro entro le sette.

Ma ecco che atterra un’ufo e mi rapisce per studiarmi come cavia umana…carina ma pauroso..

Allora arriva un bandito su un cavallo nero, anzi no un principe azzurro su cavallo bianco o un cavaliere nero a cavallo di un drago verde…figo ma niente di tutto cio’, pero’ poteva essere …

Nella realta’ appena entrata nel supermercato del centro commerciale causa un problema elettrico serrande chiuse e…in trappola. Non si poteva uscire, ne entrare, coda chilometrica alla cassa bloccata e sbarrata, niente musica in sottofondo, ci si consultava tra naufraghi sul nostro destino, un po’ gita scolastica un po’ viaggio in comitiva!

Beh se c’ e’ un posto figo dove Rimanere intrappolati e’ quello, cibo a volontà, panetteria, pasticceria, vestiario, articoli per l’igiene…insomma albergo gratis no?!

Va beh poi ci hanno liberati, un topolino alla volta dall’unica cassa sbloccata.

Rientro ore 19.40… Cena da inventare, pero’ ho i regalini per la polpy, sono a pezzi pero’ in fondo e’ stato un diversivo alla solita routine.

Signora il conto..

Aspettavamo questo sabato da una settimana, io e la polpetta saremmo andate insieme a mangiare alla mensa dell’asilo, dove organizzano un’incontro tra la ditta che fornisce le mense ed i vari rappresentanti delle scuole.

Dovevamo anche andare ad un compleanno domani sera, uno di quelli a cui teniamo un sacco.

Dovevamo..

Invece:

Polpetta 40 di febbre, tonsille a mongolfiera ( dott. dice di fare esami perché secondo lui son da togliere ..)

Polpymamma dopo mesi di antibiotici ha avuto la gioia di ritrovare la sua vecchia amica Candida che non frequentava felicemente da due anni ed ora vorrebbe prendere un certo organo ed eliminarlo dal suo corpo…

Polypapa’ tiene botta, anche se ha un fastidiosissimo problema ai piedi che lo costringe a morire di male ad ogni passo…

Pero’ erano 3 e dico ben tre settimane di quasi salute, quindi il conto dovevo aspettarmelo…pero’ anche no uffa!

Ah aggiungiamoci che dopo due anni sono finalmente riuscita a prendere appuntamento per una sessione seria dalla parrucchiera e non taglio al volo dentro e fuori in un’ora e danno 30 cm di neve per oggi…

A costo di farmela a piedi ci vado lo stesso perché dopo mesi di sabati in ufficio non posso rinunciare, no e c’ e’ pure quel malefico capello bianco che mi ride dietro quindi ad ogni costo!

Cure e malanni

Il giorno della Befana tutta la polpyfamily decide di abbassare le armi e cedere all’invito suoceresco a pranzo, che tanto lei ha fatto finta che nulla fosse successo noi idem e fanculo a tutte le mie paranoie minchie sul fatto che bisogna sempre chiarire.

Dopo pranzo agguantata una recalcitrante polpy che scalciava al grido di “oggi voglio assolutamente fare la nanna dopo pranzo!!” O_o io questa non la bevo nemmeno allungata nel Barolo, ci siamo diretti all’outlet mitico santissimo e da troppo tempo trascurato parco giochi preferito di polpymamma.

Io sorriso durbans, polpypapa’ tranquillo, polpy inviperita che “io nei negozi non ci vengo!” ( tu invece vieni per una volta l’anno che la tua mammina fa qualcosa che le piace vieni, sorridi e ti diverti, da contratto ).

Arriviamo e c’era , ovviamente il mondo, ma siccome la polpyfamily dispone di un culo sfacciato trova parcheggio subito e davanti all’ingresso roba da non credere considerando che c’era gente parcheggiata fino in mezzo alla statale.

Entriamo ed il primo negozio che mi trovo di fronte e’ quello della De* sigual che io ci vado matta e dico entriamo, solo un giro e mi fiondo sui cappotti che adoro, il mio radar in azione e Zaccaria colpo di fulmine…lo provo solo tanto per farci un giro e rimango come una cretina incantata davanti allo specchio con gli occhi a forma di cuore che lampeggiano.
A quel punto un rassegnato polpypapa’ immaginando che l’unico modo per non farmi rimanere dentro al negozio fino alle fine dei miei giorni terreni fosse di andare di carta di credito mi strappa il cappotto delle meraviglie mi butta fuori con la polpetta e dice io faccio la fila per pagare voi fuori.

Inutile dire che dopo camminavo ad un metro da terra ed ancora oggi non ci credo…

Fatti ancora un po’ di giri infruttuosi, ma in fondo a me che me ne fregava ora , ora che giravo con la mia shopper fighissima , si pure la borsa e’ una roba bellissima con i manici in tessuto….

Pero’ la polpetta bisognava sedarla in qualche modo, ed allora al patto di te li compro se tu mi fai entrare senza storie in tutti i negozi che voglio, vai di sanissimi popcorn solo che uno sfigatissimo polpypapa’ si frantuma una capsula con un chicco non scoppiato.

Al rientro giro in farmacia per antidolorifico e già li si stava ristabilendo il giusto equilibrio della bilancia in casa polpetta.

Entrati in casa vado in cucina e trovo acqua dappertutto un lago, panico! Urlo c’è acqua in cucina, polpypapa’ corre, senza valutare il rischio e me lo vedo scivolare davanti agli occhi, io non ci credevo giuro, si rialza chiude il rubinetto generale ( che voglio dire se lo diceva a me che ero già li davanti era uguale no?!) . Vedo sangue , lui ginocchio sfasciato, sanguinante, spalla semi slogata… Io o_O che trattenevo le risate ma non ci riuscivo. In scivolata ha sbattuto il ginocchio sullo spigolo spaccando una piastrella della cucina!

Lui “non ridere!! ” Io mi stavo pisciando addosso ,mentre cercavo i cerotti e le bende , ma mi sono trattenuta fino a che non fosse passata l’emergenza acqua.

Che poi che era successo?? Scoppiata una bottiglia d’acqua, niente causa condominiale per danni, niente lavastoviglie o tubi da cambiare, in compenso l’uomo di casa e’ un rottame.

Dopo cena quando finalmente polpypapa’ rattoppato era steso sul divano ho potuto liberarmi e ridere come una deficiente per mezz’ora.

Io ho curato un bel po’ di malumore con lo shopping (continuato molto fruttuosamente questa mattina ahahaha, mancano solo gli stivali e poi sono ok!) , polpypapa’ si e’ malandato manco fosse andato in combattimento la polpetta e’ sopravvissuta quindi alla grande direi!
Queste sono le prove!!

20120107-153742.jpg

20120107-154749.jpg