Nottedi sogni intricati quelli che fai fatica a far scorrere via quelli che lo sai bene che il tuo inconscio sta facendo le capriole e tu gli dici ehi tu inconscio ma guarda che non sei più un ragazzino datti una calmata che se no rimani incriccato ma lui non ti ascolta.

Dovrei fare il balletto del venerdì ma sono sfinita e poi la polpetta si lamenterebbe che non lo faccio bene.

Allora una super colazione che chiudi gli occhi e non sei vista cemento colorato , ma c’è il mare la sabbia la felpa sul costume che al mattino presto fa freddo.

Vado devo scavare una buca enorme ed poi fare un castello di sabbia  gigantisSimo che “mamma deve essere talmente grande che ci posso entrare” e capisco che forse una laurea in architettura si poteva fare.

 

 

Annunci

Sovrapposizioni

Mi piacciono le cose semplici, uno strato solo. Niente abbigliamento a cipolla che sarà anche comodo ma fa vecchia befana e poi fa sudare.

Meglio un trolley con 12 cambi dietro, basta una cabina del telefono come Superman e si cambia pelle.

Eppure ci ricasco sempre, stratifico, in casa, ivestiti, le ansie con le gioie, i pensieri le paure e poi arrivano giorni in cui devo ricominciare a semplificare che se no mi prendono gli attacchi di panico, le allergie il torcicollo …

Cosi bisogna esorcizzare e che c’è di meglio di un libro nuovo con una copertina arancione che fa tanta allegria ed e’ meno carico del rosso che e’ la mia passione più equilibrato e forse e’ tutta li la chiave.

Sprint finale

Lunedì. Dell’ultima settimana di lavoro.

Sono a pezzi non so se ce la faro’ quello che mi aspetta nei prossimi 5 giorni e inferno.

So già che alla fine lunedì 30 mi toccherà fare una capatina lo stesso, il 31 mio dispiace container o non container in partenza, cazzi e mazzi di nordici che tanto loro hanno da poco fatto il mega ponte per la festa di mezza estate io non ci sono.

Ho promesso alla polpetta il super parco acquatico con la zia sarebbe il top, ma e’ ancora da valutare, ma noi a meno di tromba d’aria si va.

E poi ieri mi ha tel la mia amica S. dalla Toscana e mi dice “Che fate, venite?”

Verrei come se verrei ancor più che la polpetta ne sta facendo una malattia su sta storia del campeggio ma el dinero che manca…

” ma va voi venite, al massimo si butta la tendina nella nostra piazzola anche solo qualche giorno!” e mi si aprono scenari idilliaci di una polpymamma al mare…

Comunque adesso concentrazione che devo iniziare bene la settimana, mi fate compagnia?

20120723-074456.jpg

Good morning!

Ora 4,30 del mattino

Pat pat manina polpetta sulla mia gamba , in automatico le faccio spazio per salire sul letto nemmeno apro un occhio.

Ore 5,20

PORCAPU%%** polpetta fila nel tuo letto!!!

( polpetta assesta un colpo secco sulnaso di polpy papà  che si alza incazzato come una iena)

Ore 6

Ok facciamo finta che sia una bella Giornatina, che io non siasveglia da 2 ore , ora mi alzo e sarà tutto meraviglioso.

 

Ore 7

Ok io vado che ti ricordi vero oggi sono via tutto il giorno?

Un’affranta polpymamma che pensa che no non se lo ricordava o meglio non aveva realizzato che doveva organizzarsi per il pranzo ed ora si angoscia che nemmeno una fettina di prosciutto si e’ comprata ieri sera, anzi ieri sera ha proprio dribblato la spesa.

Ok, le opzioni sono due o mi invitano a rimanere a mangiare a lavoro se fanno il continuato, ma la vedo difficile oppure alla mezza mi scapicollo al centro commerciale di fronte a casa ed approfitto pure di mezz’ora d’aria condizionata e mi compro qualcosa.

Ora mondo schifo perché la polpy non si alza che sta mattina la devo portare io dalla nonna?

Buongiorno mondo!

Ma non ti manca?

Ieri sera eravamo acena da un amico di polpy papà molto neo papà, la piccola ha meno di un mese! Così durante la serata mentre la neo disfattamammina  cercava di non soccombere al suo ruolo di mucca bipede io ho giocato per un po’ alla zia.

Strano prendere in braccio questo fagottino che pesava meno della polpetta alla nascita ( mondo crudele!)

Polpypapa mi guarda con occhio languido e mi dice “ma non ti manca un po’?”

Il mio sguardo si sposta dalla neo mammina in polvere alla mia super polpetta che fa la ruota e gioca con il cane (Stiamo superando il trauma!!!)  avanti e indietroin paio di volte .

E no , ora come ora non mi manca proprio per niente, nessuna poesia, istinto  di procreazione ai minimi storici…non ce la potrei fare…

 

Dilemmi

Mamma ma secondo te e’ meglio essere piccoli o grandi? Perché la mia amica B dice che e’ meglio essere piccoli mentre D dice meglio essere grandi così puoi fare quello che vuoi…

Allora polpetta senza nessunissimo dubbio e’ meglio essere piccoli!

E perché tu sei grande e puoi fare quello che vuoi e io no?

In realtà da piccolo ti illudi che una volta grande sarai libero di fare come vuoi, cosa che può essere vera se pensiamo alla libertà di mangiare caramelle o patatine quanto e quando ti pare in realtà poi scopri che c’è la fregatura. Tipo che tu il lunedì, martedì e mercoledì vai in piscina io in ufficio ad asfissiarmi di caldo.
Tipo che se a te una mattina ti gira storto mammina e papino fanno le capriole ma ti tengono a casa , se io una mattina non ch’io voglia di alzarmi mi devo dare un calcio nel sedere da sola e pedalare.

Quando sei piccolo, sei piccolo e solo per questo fatto ti vengono condonate la maggior parte delle cavolate fatte, se sei grande sono tutti cavolacci tuoi. Perché se un bambino e’ monello la colpa e’ sempre della mamma rare volte del papà a volte della famiglia ma mai sua.

Quando sei grande, anche se raggiungi la consapevolezza che la tua vita e’ allo scatafascio perché per mille anni hai cercato di plasmarti alle richieste di chiunque ti fosse vicino e poi all’improvviso ti svegli una mattina e guardando allo specchio vedi una sconosciuta che ti guarda con fare sospetto e ti dici ma dove caspita sono finita io? E ti prende il panico e vorresti piangere e menare chiunque passi a tiro, beh non ci sarà nessuno che ti prende in braccio e ti consola e ti dice che va bene uguale che sbagliando si impara, che ora e’ il caso di ripartire, no devi fare tutto da sola…

Per questi ed altri mille motivi, non ultimo il poter fare pipi’ sempre e dovunque che io voto per meglio essere piccoli.

Pero’ nutro la profonda speranza di essere una madre abbastanza brava da farti adorare il tuo essere grande un giorno, e non solo perché potrai mangiare le patatine prima di cena.

Inaspettato

Ieri pomeriggio al rientro dopo la pausa pranzo causa titolare in ritardo, più del solito, sono rimasta fuori dal cancello con l’operaio che lavora da noi.

Parlavamo del più e del meno del caldo e cose così.
Poi passando da un’argomento all’altro senza che me lo aspettassi mi ha raccontato di quando lui e la moglie hanno perso una bambina al 7 mese di gravidanza, il parto indotto, il funerale.

Parole dure accentuate da un’italiano ancora incerto e molto diretto.

E non sono riuscita a dire niente che non fosse un misero mi dispiace.

Non sono capace di rimanere indifferente al dolore e me lo porto dietro ancora oggi.

A volte capita di sbirciare scorci di vite che non incrociamo mai davvero.

Di strade e di ansie

Non vado da mia mamma da una settimana, male molto male…

Domani devo rimediare…

La bronchite o chi per essa mi ha messo ko, ridatemi i polmoni…

Sono 75 ore che non fumo e…non dico nulla che e’ meglio…

Ci sono 20 genitori testa di mela marcia che pensano che i loro stronzissimi 8 euri siano superflui per l’organizzazione della festa di fine anno…

Di notte, precisamente verso le 4,30 mi sveglio in preda alla tachicardia e all’ansia…

Quando pensi di camminare su strade conosciute capita di trovarsi all’improvviso su un ponte sospeso su un corso d’acqua sconosciuto e quantomeno viene un po’ di smarrimento, in fondo non si riesce a capire a quale svincolo e’ stato l’errore.

Così un po’ fuori fase ,anzi del tutto fuori fase…

La cosa più bella che potrebbe capitare domani sarebbe un black out dei computer al lavoro…

Frullata viva

Sono settimane veramente impegnative.
Esco da lavoro sempre allo stremo, ubriaca di stanchezza, spremuta come un limone.
Sto cercando di capire quando chiuderanno l’ufficio per cominciare a sognare le ferie ma fanno orecchie da mercante.
Week end di giri e faccende senza tregua, sabato a pranzo da mia mamma che ha significato fare la spesa portare su tutto, cucinare, sparecchiare pulire la cucina…

Polpettina malata che dopo quasi due mesi di tregua mi ha colto impreparata.
Ok voglio scendere un giorno uno solo senza montagne russe.

Pero’ una cosa positiva c’è cognato e un’amica mi hanno sommersa di ciliegie buonissime!!
Che mi rendo conto non c’entra un cavolo, ma bisogna pensare positivo e che c’è do più positivo delle ciliegie rosse e dolci??!

Inizio, fine…

Oggi primo giorno della mia nuova vita da NON PRECARIA!!! Finalmente ho firmato il contratto e dopo 7 anni di agonia stento ancora a crederci.

Ora se volessi potrei avere anche un finanziamento per la macchina nuova, roba da matti!

Finisce un’era e ne inizia una nuova per la mia vita professionale e non. La serenità di non avere una sedia ad orologeria sotto il sedere si riflette anche sul resto!

Apena il dolore atroce da inizio ciclo (ma perché qualsiasi evento epocale della mia vita e’ accompagnato da un’altrettanto epocale ciclo del cavolo?! …pecche’!??) me lo consente approfondirò anche altri aspetti di questo nuovo inizio ricco di cambiamenti…anticipo solo che rivoglio collega di prima!!!!!